Via ai lavori con il cantiere scuola

Vandalismo Grafico (1)Da stamattina, del decoro della città si occupa una squadra particolare: persone fino a ieri senza lavoro, inserite in percorsi di reinserimento lavorativo e sociale, che vengono da periodi di difficoltà, disoccupazione, detenzione. È il progetto di rimozione del “vandalismo grafico” dai muri della città che è partito stamattina sui muri di Bologna: sono i dipendenti di tre cooperative sociali bolognesi a lavorare alla rimozione di tag e graffiti dagli edifici pubblici di proprietà del Comune di Bologna.

Un corso intensivo li ha tenuti impegnati fino ad oggi, per imparare quanto necessario su materiali, superfici, tecniche, sicurezza, gestione dei cantieri e introdurli a questo nuovo lavoro: da stamattina è stato attivato il primo “cantiere scuola” in via Azzo Gardino, nel quale, accompagnati dai supervisori dello Studio Leonardo, affineranno il metodo di lavoro, i tempi ed ultimeranno la pulizia dei muri del Giardino 11 settembre e di altri edifici dell’area della ex Manifattura Tabacchi.

I graffiti vengono prima rimossi con prodotti specifici, poi la superficie viene ritinteggiata e infine si applica una vernice protettiva che renderà le eventuali prossime rimozioni più semplici. I lavori proseguiranno nei prossimi mesi, interessando sedi di quartiere e del Comune, teatri, scuole, biblioteche, musei,  a partire dal centro storico.  L’azione interviene sulla critica situazione dei graffiti in città per la quale anche imprese, commercianti e cittadini si stanno attivando su diversi fronti: questa specifica azione viene finanziata dal Comune di Bologna con 500.000 euro ricavati dall’imposta di soggiorno e prevede interventi anche su Archiginnasio, Teatro comunale, Palazzo Baciocchi (parte sul retro), ex basilica di Santa Cristina e Museo Morandi, Montagnola e scalinata del Pincio. Per questa attività è stata fatta la scelta innovativa di non selezionare ditte specializzate in cantieri di riqualificazione dei muri ma di coinvolgere come valore aggiunto le cooperative sociali della città, che da anni lavorano sul territorio, costruendo così una preziosa occasione di inclusione sociale e di reinserimento al lavoro di persone svantaggiate che hanno così anche la possibilità, grazie al progetto, di formarsi a un nuovo mestiere.

Il progetto arriverà nel 2014 anche nelle scuole più imbrattate della città, dove i bambini ed i ragazzi di scuole primarie e secondarie di primo grado saranno coinvolti con attività didattiche dedicate nell’approfondimento del tema del decoro urbano ma soprattutto parteciperanno personalmente, pennelli alla mano, alle attività di riqualificazione e pittura, così come progetteranno e realizzeranno successive azioni di sensibilizzazione dei propri compagni, famiglie e di tutti i cittadini affinché il lavoro ultimato resti intatto il più a lungo possibile.

Le metodologie di intervento sono state concordate dalla Soprintendenza per i beni architettonici e paesaggistici che ha collaborato con i tecnici del Comune di Bologna: i lavori saranno svolti da Fare Mondi di Piazza Grande Cooperativa Sociale, Cooperativa Sociale Verso Casa e Società Cooperativa Sociale It2 con la collaborazione del Centro Antartide di Bologna che curerà le attività educative e di comunicazione.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: